Il Decreto Rilancio, per sostenere i soggetti titolari di reddito d’impresa / lavoro autonomo / agrario (titolari di partita IVA), prevede il riconoscimento di un contributo a fondo perduto, erogato direttamente dall’Agenzia delle Entrate in presenza di una riduzione del fatturato del mese di aprile 2020 rispetto al mese di aprile 2019. Vediamo nel dettaglio quali sono i requisiti per richiederlo e le sue caratteristiche.

Di cosa si tratta?

Il contributo per le imprese in difficoltà può essere concesso sotto forma di sovvenzioni dirette, agevolazioni fiscali e di pagamento o in altre forme, quali anticipi rimborsabili, garanzie, prestiti e partecipazioni, a condizione che non ecceda il massimale di € 800.000 per impresa; inoltre esso non può essere concesso alle imprese che si trovavano giàin difficoltàal 31.12.2019

Chi può richiedere il contributo?

In deroga a quanto chiarito poc’anzi, il contributo può essere comunque concesso alle micro / piccole imprese che risultavano “in difficoltà” al 31.12.2019, a condizione che non siano soggette a procedure concorsuali per insolvenza e non abbiano ricevuto aiuti per il salvataggio / ristrutturazione. Va comunque evidenziato che l’aiuto spetta nel caso in cui pur avendo ricevuto aiuti per il salvataggio, l’impresa ha rimborsato il prestito o revocato la garanzia, per la ristrutturazione, l’impresa non è più soggetta a un piano di ristrutturazione.

Definizione di micro e piccole imprese

È bene ricordare, inoltre, che con “micro imprese” ci si riferisce a tutte le imprese che occupano meno di 10 persone e che realizzano un fatturato annuo e/o un totale di bilancio annuo non superiore a 2.000.000,00€; con “piccole imprese”, invece, ci si riferisce a imprese che occupano meno di 50 persone e che realizzano un fatturato annuo e/o un totale di bilancio annuo non superiore a 10.000.000,00€.

Se sei un imprenditore in difficoltà, Gestioni Fiscali può scendere in campo al tuo fianco e darti una concreta mano, ad esempio seguendo la pratica del contributo a fondo perduto per conto tuo.

Cosa si intende per impresa “in difficoltà”?

Un’impresa può essere considerata “in difficoltà” quando soddisfa almeno una delle seguenti condizioni:

  1. Per SPA / SAPA / SRL, in caso in cui abbia perso più della metà del capitale sociale a causa delle perdite cumulate
  2. Per SNC / SAS, in caso in cui abbia perso più della metà dei fondi propri
  3. In caso in cui sia oggetto di procedura concorsuale per insolvenza
  4. In caso in cui abbia ricevuto un aiuto per il salvataggio e non abbia ancora rimborsato il prestito o revocato la garanzia
  5. Per imprese diverse da PMI, in caso in cui negli ultimi due anni il suo rapporto debito / patrimonio netto contabile sia superiore a 7,5 e il suo quoziente di copertura degli interessi sia inferiore a 1,0

Quando posso richiedere il contributo?

Il contributo può essere richiesto dal 15/06/2020 al 13/08/2020. Se hai bisogno di assistenza o di una consulenza gratuita, contattaci. Il nostro staff è pronto ad aiutarti in questo momento così delicato per gli imprenditori. Scopri i nostri servizi!